«Io sono il Maggio»: il maestro Zubin Mehta ieri sera, alla fine del Requiem di Verdi nel vecchio Teatro Comunale